Abbiamo 68 visitatori e nessun utente online

Isaac Asimov - La Fine dell'Eternità

Scritto da Paolo Casarini on . Postato in Romanzi

In questo libro di Asimov ci scostiamo dal mondo robotico dei romanzi del ciclo dei robot e della fondazione. "La Fine dell'Eternità" è infatti ambientato in un mondo futuro dove il viaggio nel tempo è utilizzato per migliorare la vita dell'uomo. L'Eternità è un luogo extra-temporale grazie al quale si possono raggiungere moltissimi secoli diversi.

Harlan è un Osservatore, ovvero il suo compito è osservare in modo che i Calcolatori possano calcolare il M.M.N. (Minimo Mutamento Necessario), ovvero la più piccola mutazione per ottenere un risultato nella Realtà del futuro. Nonostante, ovviamente, Asimov non conosca le teorie dei viaggi nel tempo, fa si che i suoi personaggi sembra che la conoscano, rendendo tutto più reale.
Harlan è chiamato da Twissel, un'importante Eterno (persona che lavora nell'Eternità) che lo nomina suo personale Tecnico, una carica molto importante. Le cose si inizieranno a complicare quando Harlan incontrerà Noys, una donna con la quale dovrà lavorare. Si arriverà fino ai limiti del possibile, fino a mostrarci qualcosa che potrebbe succedere, o essere già successa.

Come negli altri romanzi di Asimov, anche "La fine dell'Eternità" è pieno di colpi di scena e di spiegazioni memorabili sul funzionamento dei viaggi nel tempo e delle mutazioni. Il viaggio nel tempo non è un argomento facile da affrontare: causa molte complicazioni e paradossi. Asimov riesce però a dare spiegazioni abbastanza convincenti su questi viaggi e sul fatto che la natura, ed in particolare il Tempo, eviti i paradossi. Nel libro ci sono quindi un susseguirsi di situazioni ai limiti dell'assurdo, con i personaggi che si muovono avanti e indietro tra i secoli più disparati. 
Lungo il libro sono nascosti degli indizi importanti che saltano fuori nel vari capitoli, portando (come del resto nei romanzi del ciclo dei robot) il protagonista a conclusioni incredibilmente complesse.

In conclusione, questo libro ci portà in un mondo futuro credibile e ben costruito, che fa leva sull'intervento dell'uomo nella vita delle persone grazie all'aiuto dei viaggi nel tempo, e sulle conseguenza che questo porta alla società. Un libro da leggere tutto d'un fiato, che ti lascia in sospeso fino all'ultima pagina.

Gloria Scaioli - La Radice del Rubino

Scritto da Paolo Casarini on . Postato in Romanzi

Euno è l'unico che può salvare le Città Millenarie dall'ascesa del regno di Petreia, ma di lui si è persa ogni traccia da diciotto anni per volere di suo padre, il re dell'Ovest, che ha deciso di allontanarlo ancora bambino dalla sua terra. Servirà un uomo fidato per riportarlo a casa, attraverso una foresta senza luce, da Pentapoli l'operosa ad Alchemia la ricca, mentre il nemico è già sulle sue tracce.  Quest'uomo è Manfredi, cacciatore di taglie costretto ogni notte a lottare contro una terribile maledizione, che controvoglia conduce con sé Duccio ed Eco, rispettivamente quasimastro e mezzamaga, il tenero micrandro Cino, la battagliera Tamiri e i gemelli Filostrato e Filocolo, che condividono ben più di quanto vorrebbero. E così le vicende di perfetti estranei si trovano legate dai fili invisibili di una profezia e minacciate dai passi silenziosi di un traditore misterioso, in un mondo in cui un rubino ha meno valore della sua radice impura. [Sinossi dal sito della casa editrice]

Gloria Scaioli è una scrittrice esordiente, che ho pubblicato con Plesio editore i suoi due primi romanzi ("La radice del rubino" e il suo seguito, "Il labirinto d'ambra").

La trama è ben strutturata. Abbiamo diversi personaggi ben caratterizzati ed inseriti nelle vicende, con rispettivi titoli e particolarità. Manfredi è un uomo duro, afflitto da una maledizione che lo perseguita, Duccio è curioso allegro, Filocolo è saggio, Cino è un eterno bambino. Tutti i personaggi si incastrano bene tra di loro formando una classica compagnia di viaggio. Alcuni dei personaggi citati nella Sinossi però non prendono parte, almeno in questo libro, al viaggio. Tamiri ed Eco rimangono separati, e non si uniscono alla compagnia se non molto tardi. Nell'aletta si può quindi leggere una sinossi troppo evoluta ed anche sbagliata, in quanto alcune delle cose citate non succedono, o meglio, non succedono ancora.

"Solo chi ha una mente incapace di indagare l'anima umana senza preconcetti, pensa che il pianto sia esclusivamente una manifestazione di dolore"

L'Ombra dell'Isola disponibile anche in cartaceo

Scritto da Paolo Casarini on . Postato in Paolo Casarini

L'Ombra dell'Isola

Da oggi è finalmente disponibile anche la versione cartacea del mio romanzo d'esordio: "L'Ombra dell'Isola", ad un prezzo di 9,90€. Il libro è disponibile anche in formato ebook.

Per acquistare la versione cartacea clicca qui.

Per la versione digitale clicca qui.

Sinossi:
Il Continente è un’isola tranquilla con tre principali nuclei abitati governati dai rispettivi re.
Giovanni è il Re di Città, borgo che sorge sul mare. Stefano governa su Selva, cittadina che si sviluppa all’interno di una foresta nella parte meridionale dell’isola e Re Dante vive invece ad Acqua, situata sulle coste del Flume che sfocia sul mare orientale.
Sarà l’arrivo di troppe navi provenienti da Othari ad unire le vite di questi tre uomini, che dovranno porre fine alla minaccia di una misteriosa ombra che ha sconvolto la vita degli abitanti di una piccola isola a nord del Continente chiamata Nèr.

Andrzej Sapkowski - La spada del destino

Scritto da Paolo Casarini on . Postato in Racconti

La Spada del destino, seguito de "Il Guardiano degli Innocenti", vede come protagonista lo stesso dei precedenti racconti: Geralt di Rivia. Anche questo libro è in realtà una raccolta di racconti legati allo strigo.

Mentre nel primo volume i racconti erano collegati da un filo conduttore, ovvero Geralt che sostava al tempio parlando con le donne che vi vivevano, nel secondo vengono proposti in ordine cronologico, come a narrare le avventure di Geralt. Queste seguono lo stesso stile delle precedenti, anche se forse alcuni racconti perdono in qualità.
In sottofondo rimane la figura di Yennefer, maga amata da Geralt, che si impone come presenza all'interno dei pensieri dello strigo, incatenandolo al ricordo della donna.
Verso la fine del libro entra in ballo anche Ciri, figlia di Pavetta, personaggio di un racconto nel Guardiano degli innocenti, che sembra avere il destino legato a quello dello strigo.

I racconti sono oscuri ed interessanti, si sviluppano misteri e storie controverse, ma nulla di eccezionale, ad eccezione forse degli ultimi due racconti: La Spada del Destino e Qualcosa di Più. Gli altri quattro racconti sono: Il Limite del Possibile, Una scheggia di ghiaccio, Il fuoco eterno e Un piccolo sacrificio.

I successivi due volumi ("Il Sangue degli Elfi" e "Il tempo della guerra") sono invece romanzi, e le ultime pagine della Spada del Destino fungono da rampa di lancio per nuove storie.

Esce in ebook il mio primo romanzo: "L'Ombra dell'Isola"

Scritto da Paolo Casarini on . Postato in Paolo Casarini

CopertinaEsce oggi in ebook il mio primo romanzo: "L'Ombra dell'Isola", acquistabile dai maggiori store. Libro iniziato settembre dell'anno scorso e finito quest'estate, finalmente ha trovato la sua pubblicazione all'inizio di novembre. Il formato cartaceo sarà disponibile tra qualche settimana, appena sarà stampato. Con molta fatica sono riuscito a scriverlo e con altrettanta fatica a pubblicarlo, ma devo ammettere che mi ha dato molte soddisfazioni.

Qui il link per una lista di store da dove poterlo acquistare: 
http://www.damster.it/index.php/prova/ebook/fx-fantasy/item/l-ombra-dell-isola

Ecco la sinossi:
Il Continente è un’isola tranquilla con tre principali nuclei abitati governati dai rispettivi re. Giovanni è il Re di Città, borgo che sorge sul mare. Stefano governa su Selva, cittadina che si sviluppa all’interno di una foresta nella parte meridionale dell’isola e Re Dante che invece vive ad Acqua, situata sulle coste del Flume che sfocia sul mare orientale. Sarà l’arrivo di troppe navi provenienti da Othari ad unire le vite di questi tre uomini, che dovranno porre fine alla minaccia di una misteriosa ombra che ha sconvolto la vita degli abitanti di una piccola isola a nord del Continente chiamata Nèr.

Andrzej Sapkowski - Il Guardiano degli Innocenti

Scritto da Paolo Casarini on . Postato in Racconti

Sapkowski si sta recentemente facendo largo nella lista degli scrittori fantasy più letti, quindi ho deciso di leggere il primo libro dei quattro per ora pubblicati in Italia dalla Nord. Questo libro, "Il Guardiano degli Innocenti", è in realtà un'antologia, seguita da un'altra serie di racconti ("La Spada del Destino") e da due romanzi della saga The Witcher.

Il protagonista di questi racconti è un certo Geralt di Rivia, uno strigo, ovvero un uccisore di mostri. Al primo impatto potrebbe sembrare un classico bruto esperto nell'arte della guerra, ma in realtà segue un rigido codice morale riguardo alle sue azioni. Geralt è un personaggio misterioso ma ben caratterizzato, che ha dedicato la sua vita al diventare uno strigo. E' un personaggio tormentato e riservato, che vive grazie ai compensi datigli per l'uccisione di creature mostruose.
I racconti sono collegati da un filo conduttore, dove Geralt, in un Tempio, ricorda insieme ad altri personaggi le sue avventure. Queste sono per lo più misteri, dove lo strigo cerca di scoprire qualcosa riguardo ad un mostro o si trova in situazioni stravaganti da cui dovrà uscire. Un tocco di ironia rende quella che sarebbe una lettura un po' inquietante più leggera, e la presenza del simpatico personaggio di Ranuncolo rallegra un po' le situazioni.

L'ultimo racconto vede l'introduzione di Yennefer, donna di cui Geralt si innamorerà, che dà una spinta all'antologia successiva anticipandone le avventure. Un libro, seppur non un vero e proprio romanzo, che vale sicuramente la pena di leggere, grazie a Sapkowski che ci porta in un mondo abitato da mostruose creature e dove regna la magia, un posto oscuro ma interessante, pieno di spunti originali.

And write, George, write, like the wind!

Scritto da Paolo Casarini on . Postato in Novità e Articoli

E' ormai noto a tutti gli appassionati delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco che George R.R. Martin non scrive per niente velocemente, anzi, si dilunga in altri progetti e continua a rilento la saga fantasy. L'ultimo libro, a Dance with Dragons [In italia diviso in "I Guerrieri del ghiaccio", "I Fuochi di Valyria" e "La danza dei draghi"], è uscito nel 2011, sei anni dopo il precedente A Feast of Crows.

Non è quindi strano che il nuovo e penultimo libro sia ancora in fase di scrittura, ma, avendo già 65 anni, i fan di tutto il mondo iniziano a preoccuparsi riguardo alla longevità dello scrittore, e sulla buona riuscita della fine della saga. Questo anche dopo che Robert Jordan, autore della Ruota del Tempo, è morto prima di riuscire a completare la saga, successivamente finita da Brandon Sanderson.

Douglas Adams - Guida galattica per gli autostoppisti

Scritto da Paolo Casarini on . Postato in Romanzi

«Lontano, nei dimenticati spazi non segnati nelle carte geografiche dell'estremo limite della Spirale Ovest della Galassia, c'è un piccolo e insignificante sole giallo. A orbitare intorno a esso, alla distanza di centoquarantanove milioni di chilometri, c'è un piccolo, trascurabilissimo pianeta azzurro-verde, le cui forme di vita, discendenti dalle scimmie, sono così incredibilmente primitive che credono ancora che gli orologi da polso digitali siano un'ottima invenzione»

Arthur Dent, un uomo normalissimo, scopre che alcune ruspe gialle stanno per demolirgli la casa per poter costruire una superstrada. In realtà, quella che sta per essere demolita è la Terra, e quella che deve essere costruita è una tangenziale spaziale. Arthur viene però salvato da un suo amico che proviene da Betelgeuse, ed insieme salgono sull'astronave demolitrice. Inizia così la loro avventura in compagnia del libro "Guida galattica per gli autostoppisti", un best-seller che si vende benissimo per due ragioni: 1.Costa poco 2.Reca stampate, a grandi lettere amichevoli sulla copertina, le parole "NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO".

Questo libro fantascientifico si scosta dalla normale fantascienza, inserendo ironia e comicità nella storia, ma trattandole come se fossero cose normalissime. Così incontreremmo alieni le cui poesie sono peggio della morte, robot depressi, e missili che si trasformano in balene... tutto scritto come su fossero cose di tutti i giorni. Un libro divertente e frizzante, di facile lettura e di ottimo intrattenimento.